Domenica 13 Settembre | Diocesi di Trivento

Commento al Vangelo

Domenica 13 Settembre

Domenica 13 Settembre In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti». Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno. E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto, ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere. Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini». Convocata la folla insieme ai suoi discepoli, disse loro: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà».

E’ la svolta. I discepoli, finalmente, riconoscono Gesù come il Salvatore. Ben presto capiranno che è il Messia sofferente. L’evangelista Marco unisce strettamente la confessione di Pietro e il presentimento della passione; fin dall’inizio c’è la domanda su chi è Gesù. Qui, a Cesarea di Filippo, è data con trasparenza la risposta: Gesù è il Figlio dell'uomo incamminato verso la croce. E da qui in avanti la croce sarà il solo tema.

Cosa dicono gli uomini di Gesù? Più importante è cosa dicono i suoi, quelli che hanno ricevuto la confidenza del Regno di Dio. La professione di Pietro – Tu sei il Cristo – è la prima voce umana che riconosce e proclama Gesù come il liberatore atteso. Non è ancora la fede nella sua divinità. Forse è questo il motivo della proibizione di Gesù di non parlarne a nessuno prima che venga compresa la croce, la sofferenza, il rifiuto. Lo stesso avvertimento lo darà dopo la Trasfigurazione e durante l’ultima salita a Gerusalemme.

Gesù sa di andare incontro ad una morte violenta, ma sa che la sua morte porta salvezza e rientra nel disegno d’amore del Padre, non è l’esito dei rifiuti e delle opposizioni degli uomini. Come più si avvicina la passione, così si rafforza anche l’annuncio della Risurrezione. Questa è la riuscita finale, non la morte. Il destino è la salvezza, ma questa passa attraverso la croce. A questa luminosità fa da contrasto l’opacità dell’incomprensione dei discepoli ad ogni predizione della passione; così è di Pietro, poi di quelli che discutono su chi sia il più grande, fino a quella di Giovanni e Giacomo che competono per il primo posto. Gesù è solo. Né le folle, né i discepoli lo capiscono.

Tocca a Gesù spiegare in che senso è il Cristo, l’Unto di Dio, il Messia. La sostanza è capire che egli deve soffrire e morire. Il Figlio dell’uomo più che il glorioso giudice escatologico richiama la figura del Servo sofferente. Più che il rimprovero – non solo a Pietro, ma anche agli altri – contano le istruzioni per i discepoli: rinnegare se stessi sta ad indicare una vita vissuta in termini di donazione, non di possesso.Mons Angelo Sceppacerca13 settembre 2015

Ultime news

  • descrizione

    Ricordo della visita del compianto Mons. Antonio Riboldi a Castelguidone

    Castelguidone, 13 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    Nuovi siti di Missio e di Popoli e Missione, diretti da Giulio Albanese

    Trivento, 13 dicembre 2017News
  • descrizione

    La festa di San Nicola a Castel del Giudice

    Castel del Giudice, 7 dicembre 2017Foto e Video
  • descrizione

    L'8 dicembre il Vescovo Claudio presenterà un omaggio floreale alla statua del Cuore Immacolato di Maria

    Trivento, 7 dicembre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia