Ascoltare, provocare e accompagnare i giovani | News

News

Ascoltare, provocare e accompagnare i giovani

Ascoltare, provocare e accompagnare i giovaniLa relazione finale del presidente della Ceam, monsignor Bruno Forte: "Ai coniugi cristiani diciamo: famiglia è bella anche quando è difficile"

L’esercito dei poveri. Famiglia, povertà, giovani e lavoro, le parole chiave. In Abruzzo e Molise, considerando anche gli immigrati, è sotto la soglia di una condizione di vivibilità un quarto delle famiglie, pari a più di 80 mila persone. Mentre in alcune aree la disoccupazione giovanile ha quasi raggiunto il 60%. Le famiglie con figli sono sempre più a rischio povertà ed esclusione sociale. Il tasso sale al 48,3% per le coppie con tre o più figli rispetto al 39,4% dell’anno scorso e raggiunge il 51,2% se si tratta di minorenni. Per le persone che vivono in coppia con almeno tre figli l’impossibilità di far fronte a una spesa imprevista di almeno 800 euro è passata dal 48,1% al 52.8%. Mentre la quota di chi è in arretrato con mutui, prestiti o bollette sale dal 21,7% del 2014 al 30,4% del 2016.

Figli a vita. I giovani, anche in Abruzzo e Molise, restano “figli” sempre più a lungo: quattro giovani su dieci tra i 25 e 34 anni, vivono ancora nella famiglia d’origine; il 45% dichiara di restare in famiglia perché non ha un lavoro e non può mantenersi autonomamente; la disoccupazione giovanile e il precariato risultano essere il dramma più grande che oramai vivono tutte le famiglie. Dai laboratori della due giorni emerge che la mancanza di lavoro è “il” problema del momento, che colpisce la maggior parte delle famiglie, sviluppando una nuova povertà. Ci sono una forte mobilità, un forte precariato, un lavoro nero o sottopagato, che generano un’instabilità psicologica e relazionale delle persone. Rendendo più difficile il pensare a prospettive per il futuro, come formare una famiglia.

Vicini ai più deboli. Tirando le somme, per i vescovi ci sono povertà fisiche e povertà spirituali. Povertà materiali e povertà culturali. Ci sono poveri fra i giovani e gli adulti. Fra i bambini e gli anziani. Occorre però mettere al centro la persona, nella consapevolezza che il povero non è un oggetto né un sacco da riempire. Ma un essere umano da rispettare ed amare.

Chi c’era. Ecco infine i componento della Ceam: presidente Bruno Forte (arcivescovo di Chieti-Vasto), Angelo Spina (vescovo di Sulmona-Valva), Camillo Cibotti (vescovo di Isernia-Venafro), Pietro Santoro (vescovo di Avezzano), Giancarlo Maria Bregantini (arcivescovo di Campobasso-Bojano), Tommaso Valentinetti (arcivescovo di Pescara-Penne), Giuseppe Petrocchi (arcivescovo di L’Aquila), Emidio Cipollone (arcivescovo di Lanciano-Ortona), Michele Seccia (vescovo di Teramo-Atri), Gianfranco De Luca (vescovo di Termoli-Larino) e Domenico Angelo Scotti (vescovo di Trivento). (s.c.)Ufficio comunicazioni sociali21 febbraio 2017

Potrebbe interessarti

  • descrizione

    La Ceam ha organizzato un convegno regionale dove si parla di famiglia, giovani e povertà

    19 febbraio 2017News
  • descrizione

    Buon anno scolastico 2016-2017 a tutti: alunni, insegnanti, genitori, collaboratori ed operatori che sono a servizio del buon funzionamento delle strutture formative!

    12 settembre 2016News
  • descrizione

    Sacramento della Cresima presso la parrocchia di Sant'Antonio Abate ad Agnone

    Agnone, 18 ottobre 2017News
  • descrizione

    Nel Santuario di San Gabriele l’incontro annuale dei sacerdoti di Abruzzo e Molise

    Isola del Gran Sasso d'Italia, 16 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia