Inchiesta diocesana su Don Vittorio Cordisco | Diocesi di Trivento

News

Inchiesta diocesana su Don Vittorio Cordisco

Una foto di Don Vittorio Cordisco

Con la solenne celebrazione del 31 ottobre 2019, nella chiesa Cattedrale dei Santi Nazario, Celso e Vittore della Diocesi di Trivento (Cb) si è chiusa la fase diocesana dell'Inchiesta sulla vita, le virtù, la fama di santità e i segni del Servo di Dio, don Vittorio Cordisco, sacerdote, rettore di Seminario, vicario generale e parroco in Montefalcone nel Sannio.

L'Inchiesta, fortemente voluta dalle Sorelle Francescane della Carità, fondate dal Servo di Dio, è iniziato nel 2015 con l'Editto per la causa di beatificazione e canonizzazione emesso dall'allora Vescovo della Diocesi triventina, mons. Domenico  Angelo Scotti.

Dopo i primi atti iniziali, la fase diocesana è iniziata solennemente il 22 maggio 2015 nella chiesa parrocchiale di Montefalcone nel Sannio, ove don Vittorio Cordisco è stato parroco per 38 anni, dal 1946 al 1974, anno della sua morte.

In quell'occasione è stato costituito il Tribunale diocesano, formato dal Delegato episcopale, don Alfonso Cerrone, dal Promotore di Giustizia, mons. Luca Mastrangelo e dal Notaio Don Erminio Gallo.
Il compito del Tribunale è stato quello di raccogliere le testimonianze di coloro che hanno conosciuto il Servo di Dio: suore, familiari, alunni e fedeli della parrocchia.  Si sono raccolte tutte le informazioni sulla vita di don Vittorio Cordisco, sulla sua infanzia, anche se molto lontana e con pochi testimoni diretti, sulla sua adolescenza e giovinezza, la decisione di diventare prete, la vita in seminario; in modo particolare il Tribunale si è soffermato sul suo ministero come Rettore del Seminario e poi come parroco del suo paese d'origine e la decisione di fondare una Congregazione di suore per far fronte ai bisogni spirituali e materiali della sua parrocchia, che usciva martoriata dal secondo conflitto mondiale.

I membri del Tribunale hanno ascoltato e trascritto racconti di episodi particolari del Servo di Dio, che fanno trasparire le sue virtù: l'amore per i poveri, la grande carità, la fede granitica e la fedeltà alla Chiesa e ai Superiori.
A contatto con i testimoni è cresciuto anche nei membri del Tribunale la conoscenza, l'amore e l'ammirazione per questo sacerdote, fedele e generoso nel ministero, pieno di fede e di zelo per le anime a lui affidate.

Nel contempo è stata costituita anche la Commissione storica per la ricerca delle prove documentali su Don Vittorio Cordisco: documenti sugli studi, attestazione sulla sua condotta, le meditazioni, le omelie, le lettere del Servo di Dio e gli scritti sulla sua persona, dopo la morte. Le commissioni hanno lavorato alacremente e con impegno anche se affrontando difficoltà e rallentamenti dovuti a motivi di diversa natura.

Tutta l'Inchiesta si è conclusa con la raccolta di tutto il materiale e la sua pubblicazione. L'atto conclusivo è stata la chiusura della fase diocesana dell'Inchiesta con la stesura degli ultimi atti e la confezione dei plichi sigillati con i documenti da mandare alla Congregazione per le Cause dei Santi a Roma.

Sicuramente questo avvenimento ci spingerà a conoscere meglio la figura di questo sacerdote, vissuto in altre epoche, anche se non molto lontano da noi, e a seguire i suoi esempi e a vivere le sue virtù. E' e sarà un momento di crescita per la Diocesi, per le Sorelle Francescane della Carità e per tutto il nostro presbiterio.


Il servizio andato in onda sul telegiornale di TLT MOLISE

Mons. Luca MastrangeloTrivento, 2 novembre 2019

Potrebbe interessarti

  • descrizione

    Vestizione monastica di Padre Juan Manuel Pecile dell'Istituto del Verbo Incarnato

    Santuario di Canneto, 2 dicembre 2019News
  • descrizione

    S.E. Mons. Claudio Palumbo consegna le Indicazioni Pastorali per l'anno 2019/20

    Trivento, 23 ottobre 2019News
  • descrizione

    Giornata per la Vita Consacrata - 2 Febbraio

    Trivento, 6 febbraio 2019Foto e Video
  • descrizione

    Ordinazione Presbiterale del diacono don Tarquinio Ritota

    Trivento, 12 novembre 2018News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia