RICORRE OGGI IL 55° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DEL VESCOVO DI TRIVENTO MONS. PIO AUGUSTO CRIVELLARI | Diocesi di Trivento

News

RICORRE OGGI IL 55° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DEL VESCOVO DI TRIVENTO MONS. PIO AUGUSTO CRIVELLARI

RICORRE OGGI IL 55° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DEL VESCOVO DI TRIVENTO MONS. PIO AUGUSTO CRIVELLARI

Ieri sera al termine della Concelebrazione Mons. Claudio Palumbo ha invitato tutti a ricordare e a pregare per il compianto Vescovo Crivellari, ricordandone le brillanti doti di pastore illuminato e preveggente, nonché di padre affettuosamente interessato e sensibilmente attento ai bisogni spirituali e materiali i tutta la comunità diocesana a lui affidata.


Pio Augusto Crivellari (1958 - 1966)

Vescovo di Trivento dal 1958 al 1966 è nato a Padova il 3 febbraio 1906, sesto di dodici figli. I suoi genitori Antonio e Amelia Morganti, Terziari Francescani entrambi, ebbero la gioia e la fortuna di tre belle vocazioni tra i figli: Pio Augusto entrò nella Congregazione dei Frati Minori, Fiorenzo in quella dei Minori Conventuali e Pia in quella Salesiana. Pio Augusto fu ordinato sacerdote a Venezia il 23 febbraio del 1929, nel 1932 si laureò in Scienze sociali, per tredici anni fu parroco "intelligente ed energico" in san Francesco della Vigna a Venezia. Dal 1949 al 1956 dal suo Ordine fu inviato in Argentina come Visitatore, prima, e come Delegato Generale, poi; nel 1957 fu nominato Definitore Provinciale della Provincia Francescana Veneta. Il Sommo Pontefice Pio XII lo elesse a Vescovo di Trivento e l'11 febbraio 1958 se ne fece la proclamazione. Il Cardinal Roncalli lo consacrò Vescovo in San Marco. Il pomeriggio del 29 marzo 1958 fece ingresso solenne in Trivento.

Fu un Vescovo dinamico, attivo moderno, resta vivo nella memoria anche per il suo caratteristico vestito cinerino di vescovo francescano. In Cattedrale restaurò la cappella del Santissimo Sacramento e il prezioso parato bianco per le solennità, sostituì il trono episcopale di drappi con uno in legno pregiato; rese l'Episcopio un luogo bello e accogliente, con una sontuosa sala del trono; cominciò ad attivarsi per la costruzione di una chiesa comoda e funzionale, nella zona bassa della città, progetto però rimasto irrealizzato, pur essendo necessaria una tale struttura per Trivento e come città e come centro Diocesi. Mons. Crivellari può essere definito il Vescovo pellegrino: il 10 maggio con oltre cinquemila fedeli fu ricevuto in San Pietro dal papa Giovanni XXIII; il 2 agosto 1960 intraprese una visita tra gli emigranti del Nord America, viaggio che, purtroppo, dovette interrompere per intervenuto malore; n! el 1961, "novello Crociato", accompagnò sacerdoti e fedeli in Terra Santa. Per tutto il tempo che fu in Diocesi non rimase mai fermo, ma era in una continua visita pastorale, d'estate e d'inverno, e proprio in una terribile giornata di freddo invernale, mentre si recava a Roccavivara, avvertì il riacutizzarsi di giovanili e mal curati malanni ai polmoni.

Fu ricoverato nel Sanatorio di Arco di Trento, provvide a radicali cambiamenti nell'organigramma delle gerarchie diocesane, morì il 3 febbraio 1966, benché ritenuto clinicamente guarito, la vigilia del suo ritorno in Diocesi. E' ora sepolto nella tomba dei Vescovi, nel locale adiacente la meravigliosa Cripta di San Casto di Trivento.

Ufficio comunicazioni sociali3 febbraio 2022

Potrebbe interessarti

  • descrizione

    Le parole di Mario Carrese in ricordo di Don Lino Mastrangelo

    Agnone, 9 aprile 2022News
  • descrizione

    È morto Don Lino Mastrangelo

    Diocesi di Trivento, 31 marzo 2022News
  • descrizione

    Mons. Claudio Palumbo ha celebrato nella Basilica di San Lorenzo fuori le mura a Roma

    8 febbraio 2022News
  • descrizione

    Giornata di preghiera per le vittime di abusi

    Trivento, 18 novembre 2021News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia