Giornata di preghiera per le vocazioni: testimonianza del giovane seminarista triventino Simone Iocca. | Diocesi di Trivento

News

Giornata di preghiera per le vocazioni: testimonianza del giovane seminarista triventino Simone Iocca.

Giornata di preghiera per le vocazioni: testimonianza del giovane seminarista triventino Simone Iocca. Quando mi viene chiesto di parlare della mia vocazione è per me una grande gioia, perché si tratta di rendere grazie al mio Signore per tutto quello che ha fatto e sta facendo per me. La mia storia inizia molto presto, all'età di otto anni, quando don Luigi di Lella mi chiese di servire Messa in Santa Croce, la mia parrocchia d'origine: a lui sono tanto grato, perché mi ha sempre incoraggiato, anche quando i miei compagni di catechismo mi prendevano in giro per la mia costanza nel servizio all'altare.

Altra figura per me tanto importante e direi di grande esempio è stata mons. Antonio Cerrone. Credo fosse la Festa della Santa famiglia del dicembre 1998, quando fu lui stesso a chiedermi di iniziare a servire messa in Cattedrale per le celebrazioni del Vescovo. Così feci durante il Triduo Pasquale del 1999 e proprio in quell'anno, quando il 13 giugno feci la Prima Comunione in quella stessa Chiesa, il Vangelo così diceva: "Pregate il padrone della messe perché mandi operai alla sua Messe". Mons. Cerrone ci invitò a chiedere Gesù il nostro desiderio più grande, e io mi sentii chiamato da Lui proprio ad essere operaio nella sua messe. Sembra davvero incredibile che un ragazzino a quell'età potesse pensare questo, io stesso ritornando a quel giorno a me tanto caro rimango stupito, e penso che Dio è davvero grande e allo stesso tempo umile! Il tempo passò e terminai le scuole che allora si chiamavano elementari, oggi primarie, e su proposta di Mons. Ferrara, un nostro sacerdote che lavora in Vaticano che conosceva don Antonio, mi fu chiesto se volevo andare a Roma nel preseminario San Pio X, per continuare gli studi e prestare il servizio liturgico presso la basilica di San Pietro. L'esperienza durò per cinque soli giorni perché capii che non era per me quello il luogo adatto (mi aspettavo si pregasse di più), e soprattutto a causa della nostalgia per la mia cara famiglia, che ringrazio tanto per la libertà che mi diede di compiere questo passo così insolito per un ragazzino di undici anni! Non per questo però persi le speranze, ma compresi solo che quello non era il momento; continuai infatti il mio servizio in Cattedrale con il nuovo parroco.

Nel periodo delle scuole medie e superiori, grazie alla sua guida spirituale e pastorale, ho potuto approfondire il mio cammino di fede, temprare la mia umanità, approfondire lo studio, capendo che la vita cristiana si costruisce nella quotidianità pregando con fede Gesù presente per davvero nell'Eucarestia( un cristiano che non ci crede non può andare avanti), la Madonna Santissima, che con la preghiera del Rosario ci insegna a contemplare il Volto del suo Figlio, la meditazione della Sacra Scrittura, dove il Cristo parla all'oggi ( qui e ora ) della nostra vita. È proprio durante le Quarant'ore che compresi che il Signore mi chiamava ad una donazione piena a Lui e i fratelli. Ringrazio di cuore i compagni di classe che ho avuto durante il corso di studi delle superiori: anche grazie a loro ho compreso che Gesù mi chiamava a testimoniarlo concretamente, per cercare di dare all'uomo di oggi una risposta su quel senso che la vita a volte sembra non rivelare. Tuttavia solo Cristo è la "chiave di volta", e se a lui, come insegnava il Beato Giovanni Paolo II, non apriamo il nostro cuore, non potremo mai trovarlo.

Fu così che guidato dal nostro Vescovo, Mons. Domenico Scotti, che ringrazio di vivo cuore, dopo un percorso di discernimento durato due anni, terminate le scuole secondarie, sono entrato in Seminario il 15 ottobre del 2008 per, durante il corso dell'anno propedeutico, un ulteriore periodo per comprendere meglio la volontà di Dio su di me! Oggi frequento la classe seconda teologia del biennio filosofico-teologico. L'anno scorso ho fatto esperienze di carità presso le Suore Vincenziane di Chieti e presso la Piccola Opera Caritas della stessa città,durante le quali ho potuto vedere tante situazioni di povertà non solo materiale, ma anche spirituale; ho imparato davvero molto, perché in queste attività ricevi sempre più rispetto a quello che dai! Così è avvenuto anche in Albania, dove ho constatato la grande miseria materiale, ma soprattutto la grande ricchezza umana e spirituale, di queste popolazioni rimaste fedeli a Cristo durante le persecuzioni comuniste. Ricordo che in una famiglia molto modesta non avevano nulla, eppure ci hanno offerto l'unica cosa che avevano, la loro bevanda tipica!

In questo secondo anno, in cui si comincia l'esperienza in parrocchia, sono stato mandato a Sant'Antonio Abate a Chieti. Ringrazio davvero il Signore per questa comunità, il suo parroco e i membri dell'Azione cattolica, giovani credenti, capaci di impegno vero, serio, costante nella vita quotidiana per la trasmissione della fede. Sarebbe davvero bello che nella nostra cittadina di Trivento ritornasse l'Azione Cattolica, davvero tanto utile per avvicinare le giovani generazioni a Cristo!

Posso dire che in questi anni ho compreso che la vita cristiana è in salita, ma non sei solo, c'è Gesù, il tuo amico, che ha condiviso e condivide con te la tua vita. Sì, perché lui è morto per noi tutti ed è nella Sua risurrezione che troveremo la vera gioia, il paesaggio magnifico che si vede in cima al "monte" della vita che avremo percorso! Tra i sacerdoti ringrazio don Antonino, guida solerte e saggia, e il compianto don Edmondo, per il suo esempio e devozione alla Madonna Addolorata.

Infine mi affido alle vostre preghiere, e vi ringrazio per aver letto questa testimonianza; scusate se è un po' lunga! Grazie!Simone IoccaTrivento (CB), 12 maggio 2011

Ultime news

  • descrizione

    GIORNATA MONDIALE DEI POVERI - Domenica 19 novembre 2017

    Trivento, 17 novembre 2017Caritas Diocesana
  • descrizione

    I GIORNATA MONDIALE DEI POVERI - MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO

    Roma, 17 novembre 2017La voce del Papa
  • descrizione

    Concerti nelle chiese: trent'anni d'allegra anarchia

    15 novembre 2017News
  • descrizione

    Sabato 21 ottobre c'è stato il primo incontro di preghiera e di meditazione del Vescovo Claudio con le religiose della Diocesi di Trivento

    Trivento, 26 ottobre 2017News
Licenza Creative CommonsLe informazioni e gli articoli pubblicati su questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia